giovedì 28 febbraio 2008

Bruciare il mais non mi conviene più

L'inverno non è ancora finito che mi pongo il dilemma se convertire la mia stufa ibrida a mais e pellet a solo pellet.
Il prezzo del mais è ulteriormente aumentato, le cause sono molteplici. Fino a poco tempo fa pensavo fosse dovuto alla solita speculazione e alla corsa alla produzione del bioetanolo americano. Dopo aver letto l'articolo di Maurizio Blondet, invece, le cause sembrerebbero essere i cambiamenti climatici, la corsa all'approvigionamento cinese e in particolar modo il cambiamento delle abitudini alimentari di India e Cina che sembra abbiano introdotto nella loro dieta la carne rossa, carne di animali che si nutrono di farine di mais.
..attendiamoci ulteriori rincari di tutti gli alimenti..
Ritorniamo alla mia stufa. Dalla mia esperienza, la stufa "onnivora" presente nel mio soggiorno e con la quale riesco a riscaldare l'intera casa (fra sotto e sopra sono circa 120 mq) consuma circa il 62% di mais e il restante 38% di pellet, quest'ultimo ha lo scopo di attivare la fiamma, mantenere la combustione del mais e alla fine del processo "ripulire" il crogiuolo.
Ho valutato che negl'ultimi due inverni ho consumato, mediamente, circa 50 sacchi di pellet (15kg X 50 = 750 kg) e 1.200 kg di mais. Lo scorso anno ho pagato il pellet di puro faggio 3.50€ al sacco (23.3€ x quintale) e il mais essicato e insaccato 25€ al quintale. Totale spesa 175€ pellet + 300€ mais = 475€, contro i 1000€ che ho speso l'anno in cui ho utilizzato solo il gas. In quell'anno ho mantenuto in casa una temperatura inferiore a quella che, invece, mantengo con la stufa (18° contro i 19-20° attuali).
Il prezzo del mais è aumentato, ma di quanto? Ho contattato il mio fornitore di Torsa (frazione di Pocenia) e mi ha comunicato il prezzo di 260€ alla tonnellata, 26€ al quintale. Prezzo che reputo onesto, visto che c'è chi lo ha già aumentato fino a 30€ al quintale!
Il mais ha un potere calorico di circa 6.200 kcal/kg contro i circa 5.200 kcal/kg delle pellet di faggio, quindi il mais produce circa il 19.5% di calore in più. Per produrre lo stesso calore che mi forniscono i 1.200 kg di mais, dovrei utilizzare 1.434kg di pellet. Se decidessi di utilizzare solo il pellet spenderei, sempre al prezzo di 3.50€ al sacco, 1.434+750=2.180 kg x 0.2333€/kg = 510€.
Molto probabilmente riuscirò ad acquistare del pellet a 3€ al sacco, nel frattempo il mais continuerà ad aumentare. Lo scorso anno ho valutato l'utilizzo del pellet di cereali in sostituzione al mais, ma il prezzo poco inferiore e il fatto che sporca maggiormente mi ha fatto cambiare idea.
Quindi ho deciso che convertirò la stufa a solo pellet ( sono solo dei parametri da cambiare) anche se devo chiamare un tecnico che mi costerà circa 100€ 60€.
Ho provato a contattare l'azienda che produce queste stufe per avere la procedura per effettuare il cambiamento da solo. Non ho mai ricevuto risposta, probabilmente non sono informazioni "open source"..

11 commenti:

  1. Scusa il commento off topics, ti avevo lasciato un primo commento sul post sul dialer (poi mi sono resa conto che anche io non ho la moderazione e dunque non mi accorgo dei commenti sui post vecchi) ho avuto lo stesso contatore e ho trovato il tuo post illuminante, perchè per alcune settimane ho avuto problemi a capire da dove provenisse un messaggio "intermittente" che qualcuno vedeva e qualcuno no. Volevo chiederti il permesso per riportare le tue istruzioni, per ora li ho citato e linkato ma ho molti amici con quel contatore e hai fatto un ottimo lavoro. Tra l'altro, complimenti per il blog perchè è davvero interessante.

    RispondiElimina
  2. Fai pure, non ci sono problemi.
    Ho descritto la procedura che io ho usato, spero valga anche per altri.
    Grazie 1000, più tardi darò un occhio al tuo..

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Ciao,
    se può interessare nel mio blog ho parlato dell'argomento, e c'è stato l'intervento anche di un rivenditore abbastanza noto... Zucchinali.

    questo è l'indirizzo:
    http://freerenegade.blogspot.com/2008/08/sdegno-per-il-mais-usato-come.html

    cmq in sintesi io continuo a ritenerlo antieconomico e antiambientale. A presto! Luca

    RispondiElimina
  5. Ciao Luca. Appena possibile darò una letta al tuo post. Sul fatto dell'economicità ho qualche dubbio, il prezzo del mais è sceso parecchio.. Sul fatto ambientale ti do ragione, nella combustione vengono prodotte anche delle diossine. È da considerate anche il fatto che il mais sporca parecchio la stufa/caldaia e il camino. Le spese di manutenzione, credo, siano superiori alla combustione del solo pellet. Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  6. Hey ciao,
    per caso sono ricapitato in questo vecchio post, e la cosa non mi dispiace perchè a distanza di tempo possiamo tirare le somme...

    qua da noi (in valtellina) non se ne parla giù più da un anno di quella storia lì e non so altrove....

    credo che alla fine, come prevedevo, tutto è finito letteralmente "bruciato" nella stufa... te che ne pensi? ciao!

    RispondiElimina
  7. RiCiao Luca,
    da quando ho convertito la stufa a pellet non ho rimpianti. Sull'antieconomico ho ancora dei dubbi, rispetto al pellet è tuttora conveniente.
    A lungo andare il mais sporca molto di più, forse in questo caso il risparmio viene vanificato con la pulizia da effettuare.
    Comunque sia non vedo più quel gran interesse verso il mais come qualche anno fa.
    Ciao Luca.

    RispondiElimina
  8. ciao, dicevi che la casa la scaldi tutta con la tua stufa. come avviene il riscaldamento delle stanze? è canalizzato?
    io ho un appartamento su due piani di cui il secondo è un open space collegato al primo con una scala (non ci sono quindi impedimenti all'aria). pensavo di mettere al 2° piano una stufa al pellet idro che mi scalda quel piano ed in più mi deve produrre un'acqua a 35° per il riscaldamento a pavimento del primo piano. che ne dici, può andare? hai informazioni sulle stufe idro e la loro affidabilità? non vorrei montarne una che comincia a farmi improvvisamente acqua a 60° per poi trovarmi la mattina con la mattonelle sollevate....

    RispondiElimina
  9. Ciao Mario, non sono un tecnico idraulico quindi non ti posso aiutare.
    Riscaldo casa (circa 55 mq per piano) solo con la stufa (13 kW) che ho al piano terra. Lasciando aperta la porta delle scale il calore va anche nel bagno e nelle camere. Nel salotto dove ho la stufa la temperatura è attorno ai 22°-23° mentre nelle camere 17° circa.
    Quando la temperatura esterna va parecchio sotto lo zero accendo un'oretta i termosifoni nelle camere.
    In linea di massima questo inverno ho consumato 160 sacchi di pellets. Spero di esserti stato comunque utile. Ciao.

    RispondiElimina
  10. Rispondo con estremo ritardo ...

    Comunque:
    nel tuo calcolo hai trescurato un fattore:

    La combustione del mais produce 6 kcal/kg....
    SE
    questo ha lo 0 % di umidità.

    Ma questo non è realistico, ed il rendimento finale ne sarà quindi ridimensionato.


    A maggior ragione...
    bruciare mais non conviene più.


    Fai riferimento anche a:
    http://stufapellet.forumcommunity.net/?t=49836344#lastpost

    Nello stesso Forum
    (ho imparato molto...!)
    troverai anche informazioni utili
    su come parametrare la combustione della tua stufa !

    RispondiElimina
  11. Ciao Mario, grazie delle info. Dopo anni di utilizzo a solo pellet convengo con te. Buona giornata.

    RispondiElimina

Benvenuto nel Blog non ufficiale del Comune di Pocenia. Commenta il Post o inviami una email, grazie.